Categorie
Salute

Serenoa repens: controindicazioni e proprietà della pianta

La serenoa repens, anche conosciuta come Saw palmetto, è una palma che ha dimostrato di avere numerose proprietà benefiche.

La scoperta delle sue proprietà naturali ha portato ad individuare diverse possibilità di utilizzare questa pianta per il benessere del corpo.

Serenoa repens cos’è?

La serenoa repens è una particolare palma nana dotata di diverse proprietà naturali, che se sfruttate al meglio possono essere molto efficaci per prendersi cura del proprio corpo.

Questa palma viene definita nana perché la sua altezza massima è di tre metri, altezza che viene raggiunta dagli esemplari più alti.

Serenoa repens proprietà

Vediamo quindi quali sono le proprietà naturali che sono state individuate nella serenoa repens e che hanno reso questa pianta molto famosa nel settore del benessere.

Uno dei primi effetti che è stato individuato è quello antinfiammatorio. I principi attivi di questa pianta possono essere sfruttati per alleviare l’infiammazione e per far sì che la flogosi vada incontro alla risoluzione.

Un altro effetto molto importante è la proprietà spasmolitica, che può essere sfruttata per i pazienti che hanno l’ipertrofia prostatica. La pianta ha dimostrato di avere un effetto simile ai farmaci che normalmente vengono prescritti per l’ipertrofia prostatica e che appartengono alla categoria degli alfa bloccanti.

Per il trattamento dell’ipertrofia prostatica è possibile assumere uno specifico integratore alimentare per la proposta, commercializzato con il nome di Prostamol.

Si tratta di un integratore a base di serenoa repens, pensato per sfruttare tutte le proprietà naturali di questa palma nana. Puoi approfondire questo integratore sul sito Bellezza Autentica.

Serenoa repens funziona davvero?

Prima di assumere un qualsiasi integratore a base di serenoa repens ci si chiede se funziona davvero.

Sono stati condotti alcuni studi, da laboratori di ricerca differenti, per testare le reali proprietà di questa pianta e per vedere se potesse essere di aiuto.

Dagli studi è emerso che la serenoa repens può essere efficace nel trattamento della ipertrofia prostatica benigna e nell’aiutare ad alleviare la sintomatologia correlata a questa patologia.

Questi studi hanno condotto alla produzione e commercializzazione dell’integratore Prostamol che abbiamo citato in precedenza e che ha dimostrato di essere un rimedio efficace da impiegare in caso di ipertrofia prostatica.

Serenoa repens effetti collaterali

Prima di iniziare ad utilizzare degli integratori a base di questa pianta è bene conoscere quali sono gli effetti collaterali serenoa repens.

Si tratta di effetti avversi che possono comparire nel corso dell’assunzione di questo prodotto e la cui probabilità di comparsa aumenta se si assume una quantità eccessiva di prodotto. Per questo motivo si consiglia sempre di rispettare le dosi consigliate, per evitare appunto di andare incontro a sovradosaggio.

Nell’elenco puntato sono indicati gli effetti collaterali ai quali si potrebbe andare incontro in corso di assunzione:

  • Disturbi gastrointestinali, come nausea, vomito, diarrea o stitichezza
  • Mal di testa
  • Prurito
  • Alterazioni della produzione degli ormoni
  • Vertigini
  • Aumento della pressione arteriosa

Gli effetti indesiderati elencati sono in realtà poco frequenti, in particolare quelli più gravi. Resta il consiglio di non assumere il prodotto oltre le dosi consigliate.

Controindicazioni serenoa repens

Un altro aspetto da trattare riguarda le controindicazioni serenoa repens, ovvero quelle situazioni nelle quali è preferibile non assumere questo prodotto ed integratori a base del principio attivo della serenoa.

Si consiglia innanzitutto di non assumere il prodotto indicato durante la gravidanza ed anche durante il periodo dell’allattamento. Si tratta di fasi delicate, in cui sarebbe preferibile non assumere alcun tipo di prodotto senza non aver prima chiesto al proprio medico di famiglia, per essere certi che non vengano arrecati danni al feto o al bambino.

Un’altra controindicazione è l’ipersensibilità al prodotto. Nel caso dell’assunzione di integratori bisognerebbe fare attenzione anche all’ipersensibilità verso uno o più eccipienti o principi attivi dell’integratore stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *